I Måneskin al Coachella Festival. L’urlo di Damiano infiamma la folla

L’urlo a favore dell’Ucraina di Damiano dei Måneskin al Coachella Festival manda in delirio la folla. Su uno dei palchi più ambiti del mondo la band invita tutti a “fare rumore”.

Dopo 2 anni di stop forzato a causa della pandemia, a Indio, nella Contea di Riverside, in California, è tornato uno degli eventi più attesi al mondo: il Coachella Festival. Appuntamento immancabile per i fashion, social e music addicted. Protagonisti sul palco, dopo i successi a livello planetario, unici italiani nella storia dell’evento, anche la band romana Måneskin. Damiano, stivali e shorts di pelle nera, calze a rete e borchie, ha svegliato le coscienze con il suo “urlo” a favore del popolo ucraino.

La band che ha conquistato l’America

Neanche a dirlo, esibendosi sul palco del Coachella, il successo per la band italiana è stato travolgente, conquistando, ancora una volta, l’America. Damiano, Victoria, Thomas e Ethan, tra gli applausi, hanno voluto omaggiare la popolazione ucraina colpita dal conflitto con la Russia, cantando la loro ultima canzone. La stessa con la quale hanno aderito alla campagna #StandUpForUkraine

Måneskin al Coachella
INDIO, CALIFORNIA – APRIL 17: (L-R) Victoria De Angelis, Damiano David, and Thomas Raggi of Måneskin performs onstage at the Outside Theatre during the 2022 Coachella Valley Music And Arts Festival on April 17, 2022 in Indio, California. (Photo by Frazer Harrison/Getty Images for Coachella)

Leggi anche> Lutto per Cristiano Ronaldo e Georgina. Morto uno dei gemelli.

I Måneskin al Coachella Festival voglio alzare la voce per qualcosa che abbia un significato

Poco prima di salire sul palco, Victoria De Angelis, aveva dichiarato che, in questi ultimi tempi, hanno scritto molti nuovi brani ma, naturalmente, la situazione in Ucraina li ha veramente colpiti.

«Abbiamo voluto usare la nostra posizione – afferma la bassista della band – per spingere le persone a schierarsi per quello che è giusto e far sentire la gente aiutata e compresa. Vogliamo alzare la nostra voce per qualcosa che abbia un significato. Sentivamo il bisogno di dire parlare di questa cosa».

Il grigo di Damiano e i fan in delirio

I Måneskin hanno deliziato il loro pubblico con oltre 45 minuti di show. Finendo l’esibizione con l’urlo di Damiano:

«Free Ukraine, fuck Putin».

Dopo aver iniziato l’esibizione con “Zitti e buoni”, la band ha deciso di chiudere con “We’re gonna dance on gasoline”, il brano con cui i Måneskin hanno aderito alla campagna del Global Citizen #StandUpForUkraine. Per dare supporto, appunto, al popolo ucraino. «Vi siete divertiti? – ha esordito Damiano prima di accomiatarsi – Anche noi ci divertiamo, è un privilegio vivere mentre le bombe cadono sulle città», citando poi Charlie Chaplin e il discorso del film “Il grande dittatore”.

Start typing and press Enter to search