Istria, tutto il glamour che non ti aspetti

Il lusso sofisticato dei nuovi hotel. Le creazioni dei suoi ristoranti stellati. L’accoglienza tailor made di meravigliosi boutique resort immersi nei vigneti.

In altre parole: tutto quello che la penisola croata ha da offrire, oltre i luoghi comuni. Oltre le città storiche, il blu del mare Adriatico e le colline del suo entroterra, c’è l’Istria (Istra in croato) che sorprende. E che, in questo 2022, punta come mai prima d’ora a conquistare il cuore dei viaggiatori più sofisticati, dei turisti sensibili alle esperienze wow, dei flâneur in cerca di nuovi rifugi e dei food lover desiderosi di sorprendenti scoperte. 

GLI HOTEL: LE NOVITÀ SUL MARE E L’ACCOGLIENZA “BOUTIQUE” DELL’ENTROTERRA  
La penisola croata si sta ritagliando un posto di primo piano nel panorama europeo grazie a una selezione unica di alberghi, che ne stanno ridefinendo profondamente l’offerta ricettiva. Tra le novità più elettrizzanti, spicca Palazzo Rainis Hotel & Spa: frutto dell’attenta ristrutturazione di un’elegante villa risalente agli inizi del Novecento, l’hotel (inaugurato a fine aprile) si trova nell’incantevole località di Novigrad (Cittanova) ed è affacciato su uno dei tratti più scenografici dell’Adriatico. I suoi punti di forza? Sedici magnifiche suite inondate di luce e il ristorante fine dining Chemistry, il cui nome è ispirato allo storico proprietario del palazzo, il veneziano Giovanni Rainis, che qui aprì una rinomata farmacia e costruì la sua dimora ispirandosi all’architettura neo-rinascimentale della sua città natale. In cucina, lo chef Tom Gretić esprime una cucina creativa basata essenzialmente su ingredienti locali.  

Leggi anche> I migliori resort europei, family-friendly, per l’estate

Un’altra new entry per gli animi sensibili al lusso è il Grand Hotel Brioni di Pula (Pola): una struttura dal design iper-contemporaneo, immersa nella macchia mediterranea e con una vista unica sulla costa frastagliata del sud dell’Istria. 
È stato inaugurato nel 2019, ma resta una delle strutture più sorprendenti dell’Istria, il Grand Park Hotel Rovinj, gioiello di design progettato dall’architetto Piero Lissoni in collaborazione con lo studio croato 3LHD: una grandiosa cascata di camere ultra-moderne nascoste in una fitta pineta – un vero e proprio posto in prima fila per godersi il panorama sulla città di Rovinj (Rovigno) – dove è possibile rilassarsi nella splendida piscina a sfioro o godersi un cocktail sull’ampia terrazza. 
Questi tre alberghi arricchiscono un’offerta ricettiva già molto interessante e diversificata, con strutture che valorizzano l’entroterra istriano come l’Heritage Hotel San Rocco, incantevole boutique hotel di Brtonigla (Verteneglio), noto per il suo ristorante, la cui carta dei vini conta oltre 250 etichette locali. E poi ancora il San Canzian Village and Hotel di Buje (Buie), affascinante mix di architettura tipica istriana e design contemporaneo: il ristorante interno Luciano è un altro fiore all’occhiello della gastronomia locale e i proprietari coccolano i loro ospiti con esperienze uniche come tour della regione in Porsche o romantiche cenette per due immersi nell’uliveto. Menzione speciale anche per il Relais & Châteaux Meneghetti Wine Hotel and Winery, incantevole wine resort di Bale (Valle): oltre alle camere con vista sui vigneti, alle ville, alla piscina e alla spa, la novità di quest’anno è la “Butiga” dove è possibile fare degustazioni dei loro vini o acquistare prodotti gourmet come il loro olio extra vergine di oliva. Degustazioni guidate di vini, olio di oliva e miele anche al Roxanich Winery & Design Hotel di Motovun (Montona), collocato in posizione privilegiata nel cuore verde dell’Istria, con vista sulla valle del fiume Quieto. Le camere, tutte diverse, e gli ambienti comuni sono un mix di antico e contemporaneo, con richiami al patrimonio istriano e all’estetica italiana degli anni ’60. Tra le esperienze da non perdere, il tour a bordo di un Land Rover Defender per scoprire l’Istria centrale e i suoi prodotti gastronomici. 
 
Una partita nel primo golf resort del mondo, che nel 2022 compie 100 anni (e una notte in una villa da sogno)
La storia dell’arcipelago delle Brijuni (Brioni), una manciata di magnifiche isolette poco lontane dalla costa istriana meridionale, è intimamente legata ai grandi fasti del turismo ottocentesco e del primo Novecento: grazie al loro clima dolce e soleggiato, furono meta prediletta di turisti provenienti dall’impero austro-ungarico, in cerca di un buen refugio dove curarsi e rilassarsi. Nei primi anni del XX secolo, Karl Kupelwieser, il figlio maggiore del proprietario delle isole, decise di trasformare l’arcipelago in una meta giovane, sofisticata e frizzante e promosse l’idea della costruzione di un campo da golf: completato nel 1922, si suppone che sia stato il primo golf resort del mondo (almeno secondo alcune recenti ricerche). Riprogettato varie volte e riaperto con 18 buche nel 2007, è oggi una destinazione unica per gli appassionati di questo sport, che possono provare l’ebbrezza di immergersi in un parco popolato da cervi, mufloni, lepri e pavoni, o ancora giocare a hickory golf, ovvero il golf “com’era una volta” con mazze di legno di noce canadese (info qui).
Ma il Parco Nazionale di Brioni, gioiello naturalistico e ricco di storia, angolo di paradiso amatissimo anche dall’allora presidente dell’ex Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, Tito – che qui trascorreva diversi mesi all’anno – offre molte altre esperienze indimenticabili: ad esempio è possibile noleggiare un motoscafo privato con partenza dal porto di Fazana (Fasana), per ammirare baie e calette incontaminate, e poi scendere a terra per esplorare le isole a bordo di un veicolo elettrico, tra vestigia romane, un parco-safari (popolato da una strana combinazione di fauna autoctona e animali esotici sudamericani, africani e asiatici) e ricordi di un passato più recente come la famosa Cadillac, regalata a Tito dagli emigrati jugoslavi in Canada. Per coronare questo soggiorno unico, è possibile affittare una delle magnifiche ville private che si trovano nella parte sud-orientale dell’isola di Veliki Brijun (Brioni Maggiore) nella baia di Lovorika: dimore lussuose e dotate di tutti i comfort, compresa la presenza di una governante. Infine, per una visuale ancor più spettacolare dell’arcipelago, ci sono i voli panoramici in aereo privato (da € 50 circa a persona, con delicair.hr) o, in alternativa, si può partire dall’aeroporto sportivo di Orsera (Aeropark Vrsar) dove, oltre ai voli panoramici o per Venezia, è anche possibile visitare la mostra di velivoli d’epoca (che include un Antonov del 1950 e un Mig 21 del 1980).
 
FINE DINING E 2 STELLE MICHELIN (DAL 2021)  

L’Istria è piccola (2.820 kmq, meno della Valle d’Aosta) ma ha un grande cuore gourmet: è arrivata nel 2021 la sua seconda stella Michelin, assegnata lo scorso settembre al ristorante rovignese Agli Amici Rovinj, aperto a giugno 2021 dallo chef italiano Emanuele Scarello. Il ristorante, parte del Grand Park Hotel Rovinj e collocato sulla marina della città, segue le orme del ristorante Agli Amici di Udine (2 stelle per la Guida Rossa) e propone, nei tre menù degustazione, diversi percorsi all’insegna della sostenibilità e del mix tra sapori istriani e del Friuli Venezia Giulia. Questa stella va ad aggiungersi a quella del ristorante Monte, sempre a Rovigno. 
 
Inoltre i food lover possono scoprire due nuove realtà in Istria contraddistinte dall’etichetta Bib Gourmand, ovvero la Konoba Malo Selo di Buje (Buie), che offre una gustosa cucina della tradizione, e Alla Beccaccia di Valbandon, che serve squisite specialità alla griglia. 
 
Per una cena gourmet e decisamente romantica, c’è infine il tetto della cantina di design Kozlović di Vale Momjan a Buje (Buie): la privacy è garantita, la vista sui vigneti al tramonto pure e, a questo, si aggiungono una serie di proposte food curate e attentamente selezionate, da accompagnare con i vini della cantina stessa per un’esperienza a tutto tondo. 

Start typing and press Enter to search